E' il documento di riconoscimento personale necessario per dimostrare la propria identità.

Il documento può essere richiesto dalle persone residenti nel Comune indipendentemente dalla loro età anagrafica così come stabilito dal Decreto Legge 13 maggio 2011, n. 70 (convertito in Legge n. 106 del 12 luglio 2011).

Il suddetto decreto ha inoltre differenziato la durata della carta d'identità in base alla fascia di età. Le nuove validità temporali sono le seguenti: - 3 anni, per i minori di 3 anni - 5 anni, nella fascia di età 3-18 anni - 10 anni, per i maggiorenni.

L'art. 7 del Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5 reca nuove disposizioni in materia di scadenza dei documenti d'identità: "I documenti di identità sono rilasciati o rinnovati con validità fino alla data, corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare", pertanto la carta d'identità sarà valida fino al giorno del compleanno. Tale disposizione si applica solo ai documenti rilasciati o rinnovati dopo l'entrata in vigore del suddetto decreto.

La carta d'identità può essere rilasciata con validità per l'espatrio (per l'ingresso nei paesi della Comunità Europea e del bacino del mediterraneo consultare il sito della Polizia di Stato).

Per il rilascio della carta d'identità valida per l'espatrio ai minori di 18 anni è necessario l'assenso dei genitori o di chi ne fa le veci, che dovranno presentarsi muniti di documento identificativo in corso di validità. Se un genitore non può essere presente è necessaria la dichiarazione di assenso all'espatrio (vedi modulo allegato in fondo alla pagina). In caso di richiesta di documento non valido per l'espatrio, è sufficiente la presenza di un solo genitore. E' obbligatoria, in ogni caso, la presenza del minore per l'identificazione.

La carta d'identità per l'espatrio rilasciata ai minori degli anni quattordici può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o chi ne fa le veci (Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito nella Legge n. 27 del 24/3/2012). Per i minori di anni 14 l'uso della carta d'identità ai fini dell'espatrio è subordinato alla condizione che il minore viaggi in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci, o che venga menzionato, su apposita dichiarazione rilasciata da chi può dare l'assenso o l'autorizzazione, il nominativo della persona, ente o compagnia di trasporto a cui il minore stesso è affidato. La dichiarazione dovrà essere convalidata presso la Questura di PAVIA Per quanto riguarda i cittadini stranieri, la carta d'identità rilasciata ha validità sul solo territorio italiano. All'atto della richiesta devono essere presentati i seguenti documenti: permesso di soggiorno valido ovvero ricevute di richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno e passaporto in corso di validità. Nel caso di rilascio di carta d'identità ai minori di cittadinanza straniera è necessaria la presenza di almeno un genitore. La qualità di genitore deve essere correttamente registrata in Anagrafe.

In caso di smarrimento o furto di carta d'identità valida, è necessario, per ottenere il duplicato, presentarsi allo sportello muniti della denuncia effettuata all'autorità di Pubblica Sicurezza e di altro documento di identità in corso di validità (passaporto, patente, etc.). Nella denuncia deve sempre essere indicato il numero della carta d'identità smarrita o rubata. Nel caso di furto o smarrimento avvenuto all'estero, prima di richiedere il rilascio della nuova carta d'identità, è necessario presentare alla Questura o ai Carabinieri la denuncia effettuata all'estero.

Il rinnovo può essere richiesto dal 180° giorno antecedente la scadenza del documento.

Proroga della validità delle carte d'identità già emesse: in conformità al Decreto Legge 112 del 25 giugno 2008, la validità delle carte d'identità emesse a partire dal 26/06/2003 è prorogata di diritto per altri 5 anni. Possono essere prorogate le carte d'identità emesse dal Comune a partire dal giugno 2003. Il timbro di proroga potrà essere ottenuto presso tutti gli sportelli anagrafici. E' possibile farsi timbrare la proroga anche per i componenti del proprio nucleo familiare portando le loro carte d'identità in originale, e per le altre persone non familiari presentandosi con una delega sottoscritta dal titolare e con la sua carta d'identità in originale.

Carta d'identità cartacea

Per il rilascio della carta d'identità l'interessato deve presentare 3 fotografie uguali e recenti (cioè debbono avere massimo 6 mesi - nota Ministero Affari Esteri del 29/11/2005), formato tessera su carta fotografica e stampate con soluzioni fotografiche indelebili (la Polizia Scientifica ritiene non utilizzabili, perché facilmente alterabili, quelle stampate con la stampante del PC di casa), con sfondo chiaro e a capo scoperto. - la precedente carta d'identità, per chi ne ha avuta una, anche se scaduta; - denuncia presentata all'autorità di polizia in caso di furto o smarrimento della precedente - per i minorenni assenso degli esercenti la potestà dei genitori, se il documento si richiede valido per l'espatrio - dichiarazione di inesistenza degli impedimenti previsti dalla legge se il documento viene richiesto valido per l'espatrio. La carta d'identità può essere documento valido ai fini dell'espatrio, di norma in tutti i paesi dell'UE e in alcuni paesi confinanti non aderenti all'UE, o comunque che hanno intense relazioni diplomatiche con il nostro paese. Consigliamo però, prima di partire, di informarsi presso il posto più vicino della Polizia di frontiera o presso il consolato italiano nel luogo di destinazione (vedi www.esteri.it ). La Polizia di Stato tiene aggiornato l'elenco degli stati in cui è possibile espatriare in un file scaricabile da questa pagina web: (http://www.poliziadistato.it/articolo/category/1087/ ). Perché la carta d'identità sia valida per l'espatrio: Non deve avere inibizioni all'espatrio (apposte sul retro); Deve essere valida Per il minore di anni quattordici l'espatrio è subordinato alla condizione che il minore viaggi in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci. Per comprovare la titolarità della potestà sul minore è oggi possibile chiedere che venga apposta sul retro del documento, l'indicazione della paternità e maternità. Se il minore non è accompagnato da un genitore è necessaria una dichiarazione, rilasciata da chi può dare l'assenso o l'autorizzazione, convalidata dalla Questura o dall'Autorità consolare, con indicato il nome della persona, dell'ente o della compagnia di trasporto a cui il minore medesimo è affidato; solitamente detta autorizzazione della questura o del consolato italiano è posto sul retro del certificato di nascita con paternità e maternità. Non possono ottenere la carta d'identità valida per l'espatrio: coloro che, essendo a norma di legge sottoposti alla potestà dei genitori o alla potestà tutoria, siano privi dell'assenso della persona che la esercita o, nel caso di affidamento a persona diversa, dell'assenso anche di questa o, in difetto, dell'autorizzazione del giudice tutelare il genitore che, avendo prole minore, non abbia l'assenso dell'altro genitore o, in assenza ottenga l'autorizzazione del giudice tutelare. L'assenso o l'autorizzazione non sono necessari quando il richiedente la carta d'identità sia titolare esclusivo della potestà sul figlio coloro che debbano espiare una pena restrittiva della libertà personale o soddisfare una multa o un'ammenda, salvo per questi ultimi il nulla-osta dell'autorità che deve curare l'esecuzione della sentenza, sempreché la multa o l'ammenda non siano già state convertite in pena restrittiva della libertà personale, o la loro conversione non importi una pena superiore a mesi 1 di reclusione o 2 di arresto coloro che siano sottoposti ad una misura di sicurezza detentiva ovvero ad una misura di prevenzione prevista dagli articoli 3 e seguenti della legge 27 dicembre 1956, n. 1423

Vai alla modulistica
CIRCOLARE 23-2010
CIRCOLARE 27-2009

 

Linea amica Sentieri 
torna all'inizio del contenuto